Adulti

On demand

Suggestivi itinerari educativi ‘on demand’ vengono proposti da Muve Education nelle sedi di Palazzo Ducale, Museo Correr, Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento veneziano, Palazzo Mocenigo, Museo del Vetro di Murano, Museo del Merletto di Burano e Museo di Storia Naturale di Venezia Giancarlo Ligabue: si tratta di percorsi tematici che offrono al visitatore un’esperienza esclusiva e coinvolgente. Condotte da educatori museali specializzati, le attività sono rivolte a gruppi non aggregati di adulti fino a un massimo di 25 persone; possono svolgersi tutti i giorni in orario di apertura del museo e in fasce orarie specifiche, tramite prenotazione online autonoma previa verifica della disponibilità.

Come aderire
Le attività si effettuano tramite prenotazione online >>>

Modi e tempi di realizzazione:
– Itinerari educativi
– Durata media 1,30 ore
– Tutto l’anno

Destinatari:
– dagli over 15 in poi

Modalità di prenotazione:
– prenotazione on-line: cliccare sul tasto rosso ‘scegli e prenota’ ➝ spuntare la voce ‘adulti on-demand’ ➝ cliccare sull’attività prescelta e seguire le indicazioni

Costi e modalità di pagamento:

  • Attività educativa: 100 euro (pagamento on-line anticipato, con bonifico o carta di credito) fino a un massimo di 25 partecipanti 10 per il Museo Fortuny (non sono previsti gruppi su aggregazione ma solo precostituiti: min. 1, max 20 pax); ingresso al museo a tariffa ridotta escluso
  • Itinerari combinati Dai dogi agli imperatori e Da Casa Goldoni a Ca’ Rezzonico: percorso nel Settecento veneziano: 120 euro
  • Visita in esclusiva al Museo Fortuny: 220 euro (max 10 pax) con biglietto museo incluso
  • Ingresso al museo: da pagare a parte (direttamente in biglietteria il giorno della visita, oppure on-line su visitmuve.it o call center 848082000 dall’Italia, 04142730892 dall’estero).
  • A Palazzo Ducale servizio whisper obbligatorio per gruppi oltre i 10 partecipanti da acquistare a parte, in biglietteria, al costo di 1 euro a persona
  • Gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia
  • Servizio confermato ad avvenuto pagamento dell’attività educativa, da eseguire con un anticipo di almeno 10 giorni rispetto alla data prenotata. Una prenotazione effettuata per tempo permette un servizio migliore.
  • Eventuali prenotazioni “last minute” saranno accettate compatibilmente con le disponibilità: la richiesta deve pervenire a education@fmcvenezia.it (pagamento anticipato solo con carta di credito). Eventuali richieste per il weekend saranno accettate, sempre verificandone la disponibilità, entro e non oltre le ore 12 del venerdì.

Informazioni
education@fmcvenezia.it
Tel. 041 2700370 – 347 9675905 (ore 9.30-12.30 lunedì e mercoledì).

 

LE PROPOSTE EDUCATIVE 

 

ITINERARI EDUCATIVI PER LE MOSTRE TEMPORANEE

VENETIA 1600 Virtual Tour: una storia tutta da scoprire!
Un’opportunità davvero inedita e suggestiva di visita all’esposizione sui 1600 di Venezia a Palazzo Ducale è offerta al pubblico attraverso un Virtual Tour.
L’attività, che si contraddistingue per un taglio che prevede punti di vista privilegiati ed esclusivi, potrà essere svolta in streaming da remoto e consentirà di toccare tutti gli aspetti e le fasi – le ‘nascite e rinascite’ – di questa straordinaria città: dalla sua leggendaria ‘fondazione’ nel 421, allo sviluppo dello stato veneziano nei secoli, con il suo impero marittimo, i commerci e le grandi vicende che ne hanno segnato la storia, fino a oggi.
Per poter fruire del virtual tour è necessario avere un computer o un tablet e una buona connessione internet.

Scopri di più >

 

Anselm Kiefer
Questi scritti, quando verranno bruciati, daranno finalmente un po’ di luce (Andrea Emo)
Palazzo Ducale
Con Anselm Kiefer l’arte contemporanea entra a Palazzo Ducale, per l’esposizione che sarà fulcro della quinta edizione di MUVE Contemporaneo, rassegna biennale della Fondazione Musei Civici di Venezia che ha come cifra la riflessione sulla relazione dell’arte dell’oggi con i musei. Legata alle celebrazioni per i 1600 anni dalla fondazione di Venezia, l’attesa installazione di Kiefer, fra i massimi artisti viventi, sarà allestita con il sigillo di un titolo ripreso dagli scritti del filosofo veneziano Andrea Emo: Questi scritti, quando verranno bruciati, daranno finalmente un po’ di luce. Il ciclo di dipinti creati appositamente per Palazzo Ducale nel corso del 2020 e 2021, si dispiega nello spazio e nella magnificenza della Sala dello Scrutinio, in serrato confronto con le trentatré tele monumentali del soffitto e con la valenza eroica dell’intero ciclo decorativo del Palazzo, a sottolineare il ruolo dell’arte contemporanea nella riflessione su temi universali, che trascende Venezia per aprirsi a visioni filosofiche attuali.
Durata: 45 minuti

 

AFRO 19501970
Dall’Italia all’America e ritorno
Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna

In occasione della mostra “Afro 1950-1970 Dall’Italia all’America e ritorno” dedicata a uno dei grandi protagonisti della pittura italiana del secondo Novecento e ospitata a Ca’ Pesaro nell’ambito di MUVE Contemporaneo 2022, un percorso guidato, attraverso quarantacinque capolavori provenienti da collezioni e musei internazionali rende omaggio all’artista friulano – ben rappresentato proprio nelle collezioni della Galleria d’Arte Moderna – esplorando il vivo fermento e la ricca relazione che negli anni Cinquanta si instaurò tra l’arte italiana e quella statunitense dell’espressionismo astratto e dell’Action Painting.
Durata: 1,30 h

 

La pesca in laguna
Centro Culturale Candiani
Venezia deve la sua esistenza e soprattutto la sua sopravvivenza alla Laguna che la circonda: nei secoli ha offerto alla città protezione, facilità nella comunicazione e nei trasporti oltre che sostentamento con l’agricoltura in isole e litorali e la pesca nelle sue ricchissime acque. Attraverso i modellini di imbarcazioni, reti e altri attrezzi da pesca della collezione ottocentesca Ninni Marella, illustrazioni, foto e filmati storici, la mostra racconta come i veneziani hanno evoluto le loro tecniche di pesca adattandole alle peculiarità del territorio e alla biologia delle specie ittiche. La visita vuole quindi presentare il peculiare percorso di coevoluzione fra uomo e natura e tenere viva la memoria di questo prezioso patrimonio culturale.
Durata: 1,30 h


 

PALAZZO DUCALE

Le stanze del potere
L’itinerario si concentra sulle sale istituzionali di Palazzo Ducale, dove imponenti cicli pittorici e grandiosi apparati scultorei e ornamentali decorano le stanze che furono le prestigiose sedi delle magistrature della Serenissima. Attraverso un percorso interattivo saranno evidenziati il funzionamento della complessa macchina statale della Repubblica di Venezia e il maestoso programma iconografico promosso dalla classe dirigente veneziana per fondare e celebrare il mito di Venezia.
Dal 26 marzo al 29 ottobre 2022 il percorso include anche la visita all’imponente ciclo di dipinti site-specific realizzati dall’artista tedesco Anselm Kiefer in dialogo con gli importanti spazi della Sala dello Scrutinio e i temi della storia di Venezia: un serrato confronto con le trentatré tele monumentali del soffitto e con la valenza eroica dell’intero ciclo decorativo del Palazzo, a sottolineare il ruolo dell’arte contemporanea nella riflessione su temi universali, che trascende Venezia per aprirsi a visioni filosofiche attuali.
Durata: 1,30 h

Un palazzo da capire, tra architettura e scultura
Un itinerario dinamico e coinvolgente centrato in particolare sull’edificio e la sua storia, sulle vicende costruttive che hanno condotto a questa straordinaria macchina architettonica e al suo splendido apparato scultoreo.
Un “viaggio” imperdibile alla scoperta dell’interpretazione veneziana, davvero unica, del linguaggio gotico e rinascimentale, che si sviluppa nei secoli del massimo splendore della Repubblica.
Una sorpresa finale permetterà ai partecipanti di cimentarsi, a casa, in una divertente attività pratica strettamente connessa all’esperienza vissuta.
Dal 26 marzo al 29 ottobre 2022 il percorso include anche la visita all’imponente ciclo di dipinti site-specific realizzati dall’artista tedesco Anselm Kiefer in dialogo con gli importanti spazi della Sala dello Scrutinio e i temi della storia di Venezia: un serrato confronto con le trentatré tele monumentali del soffitto e con la valenza eroica dell’intero ciclo decorativo del Palazzo, a sottolineare il ruolo dell’arte contemporanea nella riflessione su temi universali, che trascende Venezia per aprirsi a visioni filosofiche attuali.
Durata: 1,30 h


 

ITINERARIO COMBINATO NEI MUSEI DI PIAZZA SAN MARCO
(PALAZZO DUCALE & MUSEO CORRER)

Dai dogi agli imperatori
Dal Palazzo dei Dogi, cuore della Serenissima all’ottocentesco Palazzo Reale. Non solo fasti e splendori, ma anche la possibilità di attraversare concretamente i segni visibili di un articolato e anche drammatico percorso storico, dalla Repubblica di Venezia alla sua fine e quindi, poi, dal dominio napoleonico a quello asburgico, pur nella permanenza di un’identità e di una qualità artistiche fondamentalmente italiane.
Con un solo biglietto, un percorso davvero “unico”.
Attenzione: il percorso inizia da Palazzo Ducale e qui avviene l’incontro con l’operatore.
Durata: 2,30 h


 

MUSEO CORRER

Museo Correr: un museo dai mille volti
Un percorso tematico in quella sorta di ‘camera delle meraviglie’ che è il Museo Correr, alla scoperta di tesori e curiosità nelle raccolte da cui sono nati i musei civici veneziani: da quella lasciata dal collezionista veneziano Teodoro Correr (1750-1830), dal quale il museo prende il nome, alle varie donazioni e acquisizioni che testimoniano la dimensione cosmopolita della città. Verranno analizzate opere tratte da alcune sezioni del museo quali le Sale Neoclassiche, lungo l’Ala Napoleonica, ottocentesca sede di re e imperatori, che ospitano la straordinaria collezione di Antonio Canova; le Stanze dell’Imperatrice Sissi, tra cui la Sala delle Udienze, lo studiolo, la camera da letto (con la ricca tappezzeria e il boudoir) e la stanza da toilette personalizzata con preziosi arredi d’epoca napoleonica; le sale dedicate alla scoperta della storia e della Civiltà Veneziana: dalla vita quotidiana a quella delle istituzioni, dalle imprese marinare alle feste cittadine.
Durata: 1,30 h


 

CA’ PESARO

Le forme del moderno. La scultura a Ca’ Pesaro
Dall’antichità alla fine dell’Ottocento la scultura ha svolto una funzione prettamente monumentale e celebrativa, ben riconoscibile nelle opere plastiche isolate e in quelle inserite in strutture architettoniche. Tale tradizione viene interrotta agli inizi del Novecento, quando un profondo rinnovamento pone l’antimonumentalità e l’antiretorica come vocazione primaria promuovendo un incessante processo di sperimentazioni linguistiche, l’impiego di materiali inusuali e il superamento delle distinzioni canoniche tra pittura e scultura. Il percorso, attraverso un’accurata scelta di opere del museo, documenta le principali fasi di questo rinnovamento plastico: dalla svolta moderna della scultura tardo ottocentesca operata, sia pur in modi e forme diverse, da Auguste Rodin e Medardo Rosso, alla sintesi tra espressionismo e classicità di Adolfo Wildt, alle figure anticlassiche di Arturo Martini, considerate tra gli emblemi del Novecento, fino al filone vitalista ripreso dalle forme antropomorfe di Henry Moore, alle sculture “mobili”, eteree e leggere di Alexander Calder, ai quadri/scultura dei “plurimi“ di Emilio Vedova, fino all’Arte povera e agli oggetti feticcio Neo-Pop di Jeff Koons.
Durata: 1,30 h

Venezia ‘moderna’: Ca’ Pesaro e il nuovo secolo dell’arte
Un itinerario di grande suggestione tra le collezioni permanenti della Galleria Internazionale d’Arte Moderna, per meglio comprendere le molteplici tendenze dell’arte del XX secolo, nel confronto tra i grandi capolavori provenienti dalle Esposizioni Internazionali d’Arte (Biennali) come Giuditta II (Salomé) di Gustav Klimt o Cucendo la vela di Joaquin Sorolla e le opere dei Ribelli di Ca’ Pesaro, generazione variegata di giovani artisti veneziani antiaccademici, tra i quali si annoverano Arturo Martini, Gino Rossi e Felice Casorati.
Durata: 1,30 h

Percorsi nel Novecento
Un itinerario guidato si dipana con chiarezza e grande impatto emozionale tra capolavori, evocazioni, confronti e relazioni tra molteplici tendenze dell’arte del XX secolo, con diverse possibili traiettorie di riflessione e approfondimento.
L’andamento cronologico-tematico dell’esposizione permette infatti sia di cogliere nitidamente l’evoluzione del fare artistico del “secolo breve”, documentandone ad altissimo livello l’incessante processo di sperimentazione e le fondamentali fasi di rinnovamento pittorico e plastico, sia di connettere le vicende artistiche alle radicali e drammatiche trasformazioni di ogni aspetto della vita del tempo, offrendo straordinarie opportunità di collegamenti interdisciplinari.
Dal 22 aprile al 23 ottobre il percorso include anche la mostra su Bice Lazzari, un piccolo ma prezioso omaggio dedicato all’artista veneziana trasferitasi poi a Roma, nel periodo di passaggio dall’informale al minimalismo astratto fra la metà degli anni Sessanta e la fine degli anni Settanta.
Durata: 1,30 h


 

CA’ REZZONICO

Da Tiepolo a Canaletto. L’ultima grande stagione della pittura veneziana
Gli straordinari e fastosi ambienti del Palazzo, ricchi di mobilio, arredi e suppellettili originali dell’epoca, le raffinate decorazioni, gli arazzi di squisita fattura, i ritratti ufficiali ci parlano di una Venezia ancora opulenta e potente, spensierata e gaudente. Ma la lettura attenta delle opere dei più importanti protagonisti dell’ultima grande stagione della pittura veneziana, come i Tiepolo, Canaletto, Longhi, i Guardi, porterà alla luce anche un’altra faccia della realtà, quella di una Venezia che sta iniziando il lungo e scivoloso cammino verso la modernità.
Durata: 1,30 h.

“Presta le tue orecchie alla musica, apri i tuoi occhi alla pittura”
Nel Settecento si sviluppano in Europa importanti esperienze artistiche nelle arti figurative e nella musica che trovano in Venezia uno dei centri di maggior diffusione. Questo inedito e coinvolgente percorso, proposto nel luogo che più documenta la splendida stagione settecentesca dell’arte veneziana, associa con effetti di travolgente suggestione una selezione di brani di compositori quali Bach, Haendel, Vivaldi, Haydn e Mozart e altri ad ambienti e opere del museo, consentendo di rivivere e comprendere, grazie all’immediatezza dell’esperienza della visita di Ca’ Rezzonico e alla musica, il contesto in cui tali esperienze nascono.
Durata: 2 h.

Venezia come funziona
Capire com’è fatta Venezia, come funziona e come ha funzionato è il primo passo per viverla, rispettarla e goderne. In questo percorso speciale Ca’ Rezzonico, grandioso palazzo signorile realizzato tra Sei e Settecento, si presta perfettamente come esempio e punto di osservazione privilegiato per capire perché il tessuto urbano della città, così denso, è interrotto da tanti campi e corti, perché in ogni campo e corte si trova una vera da pozzo, perché i camini hanno delle forme bizzarre o, infine, come fanno case e palazzi a reggersi sull’acqua. Si partirà dal museo per raggiungere il vicino Campo San Barnaba, per poi entrare a Ca’ Rezzonico attraverso l’ingresso acqueo del palazzo, sul Canal Grande e iniziare l’itinerario che arriverà fino al… sottotetto! Ad ogni gruppo verrà infine consegnata una guida breve del museo e un glossario dei termini tecnici affrontati lungo il percorso.
Durata: 1,30 h


 

CA’ REZZONICO & CASA DI CARLO GOLDONI

Da Casa Goldoni a Ca’ Rezzonico: percorso nel Settecento veneziano
L’esperienza proposta mira ad affrontare diversi aspetti culturali e sociali del Settecento veneziano, attraverso il dialogo e il confronto tra due protagonisti del secolo, Carlo Goldoni e Pietro Longhi, nei due musei che ne conservano ancor oggi la memoria, Ca’ Centanni (Casa Goldoni) e Ca’ Rezzonico.
Il percorso tra i due musei viene svolto in autonomia con l’auto di un apposito dossier.
Durata: 2,30 h.


 

MUSEO DI PALAZZO MOCENIGO

Viaggio in una dimora del Settecento
Nell’antica dimora della famiglia nobile Mocenigo un percorso tematico tra abiti, accessori e tessuti originali, esposti assieme al mobilio, agli arredi e alle opere secondo lo stile di una vera e propria ‘casa-museo’, documenta il gusto di un’epoca, quando Venezia era un centro importante per la manifattura tessile e per le produzioni cosmetiche e speziali.
L’esposizione, cui si aggiunge una selezione dedicata alla moda del Settecento a Venezia, con alcuni abiti d’epoca e sottomarsine, si completa con la visita alla suggestiva sezione del profumo e, dal 20 aprile all’11 settembre 2022, la mostra ‘Es-senze’, con cui un gruppo di giovani artisti esponenti della scena creativa contemporanea internazionale ha individuato nel profumo e nell’olfatto i motivi di ispirazione per le proprie diverse creazioni.
Durata: 1,30 h


 

MUSEO FORTUNY

Nella ‘casa-atelier’ di Mariano Fortuny
Con un nuovo allestimento completamente rinnovato tutto dedicato al genio multiforme e laborioso di Mariano Fortuny y Madrazo (1871-1949) e della sua musa e moglie Henriette Nigrin, riapre il Museo di Palazzo Fortuny: uno speciale itinerario tematico conduce sulle tracce di questo straordinario protagonista della scena artistica veneziana ed europea tra Otto e Novecento, in quella che fu la sua dimora-atelier in Campo San Beneto nella suggestiva cornice di Palazzo Pesaro degli Orfei.
Il percorso di visita si sviluppa al primo piano del palazzo, eccezionale esempio di gotico fiorito veneziano, dove ancora aleggia lo ‘spirito’ del Genius loci, spagnolo di origine ma veneziano d’adozione: nel salone, arredato secondo lo ‘stile Fortuny’ e nelle ambienti attigui si dipanano le vicende di vita, artistiche e collezionistiche della famiglia che qui abitò dal 1898 al 1965. Dalle prime esperienze con la pittura, con le copie dei grandi artisti del passato in dialogo con le opere del padre Mariano Fortuny y Marsal (1838-1874), al ciclo wagneriano, dagli splendidi tessuti stampati agli splendidi abiti plissettati, tra cui le leggendarie creazioni ‘Knossos’ e ‘Delphos’ di ispirazione ellenistica, alle innovazioni in ambito scenico e illuminotecnico, come la geniale ‘cupola’ con la quale egli rivoluzionò il Teatro di inizio ‘900.
Un percorso di grande fascino che dà conto della straordinaria genialità eclettica di un artista che ha perfettamente incarnato il concetto di ‘arte totale’ caro a Wagner.
L’attività viene proposta anche in modalità extra orario, disponibile a particolari condizioni, con la quale si potrà sperimentare uno speciale itinerario tematico in esclusiva.
Durata: 1,30 h


 

MUSEO DEL VETRO A MURANO

Il vetro: storia di un’arte
Un percorso tematico racconta oltre mille anni di arte del vetro, tra opere leggendarie e note in tutto il mondo, dando conto della straordinaria perizia espressa nei secoli dai maestri vetrai e delle loro celebri tecniche (il vetro soffiato, l’incisione a punta di diamante, la pittura a freddo, l’avventurina, il vetro calcedonio e lattimo…), fino alla creatività di artisti e designer che da questo materiale hanno saputo ricavare, anche in epoca contemporanea, un’immensa gamma di stimoli e potenzialità.
Durata: 1,30 h


 

MUSEO DEL VETRO & SCUOLA DEL VETRO ABATE ZANETTI

Il vetro: storia di un’arte (con fornace)
Un itinerario guidato lungo le sale del Museo del Vetro di Murano racconta oltre mille anni di arte del vetro, tra opere leggendarie e note in tutto il mondo, dando conto della straordinaria perizia espressa nei secoli dai maestri vetrai e delle loro celebri tecniche (vetro soffiato, incisione a punta di diamante, pittura a freddo, avventurina, vetro calcedonio e lattimo…), fino alla creatività di artisti e designer che da questo materiale hanno saputo ricavare, anche in epoca contemporanea, un’immensa gamma di stimoli e potenzialità. Il percorso è completato con una dimostrazione in fornace presso la Scuola del Vetro Abate Zanetti.
Durata: 2 h


 

MUSEO DEL MERLETTO A BURANO

Il filo della laguna
Percorso guidato alla scoperta della ricca e preziosa raccolta di merletti dal XVI al XX secolo esposta nel museo, che ha sede nel suggestivo palazzetto dell’antica Scuola di Merletti di Burano, fondata nel 1872 dalla contessa Andriana Marcello, in cui quest’antica arte veniva tramandata.
Durata: 1 h.


 

MUSEO DI STORIA NATURALE

La natura in museo: storie e collezioni
Un affascinante viaggio tra i reperti e le sezioni del Museo di Storia Naturale di Venezia, dalle origini della vita, guidati da fossili e dinosauri – tra cui l’Ouranosaurus nigeriensis e il Sarchosucus Imperator della spedizione Ligabue del 1973 – all’evoluzione del collezionismo naturalistico, che dagli antichi esploratori arriva ai moderni ricercatori, fino al dinamico e coinvolgente capitolo dedicato alle diverse strategie della vita, dal movimento alla nutrizione, nelle loro infinite varianti. Un percorso compiuto in cui è possibile non solo guardare, ma anche toccare e sentire per capire!
Durata: 1,30 h


 

CASA DI CARLO GOLDONI

Carlo Goldoni nella Venezia del Settecento
Partendo dal suggestivo cortile gotico di Ca’ Centanni a San Tomà, casa natale di Carlo Goldoni, l’itinerario si focalizza sulla vita del grande commediografo veneziano e le caratteristiche dell’arte teatrale del suo tempo, quando in città sorgevano ben quindici teatri, facendo di Venezia una delle capitali della cultura europea. La visita mira a ripercorrere e comprendere la grande rivoluzione teatrale e culturale operata da Goldoni nel ‘700, che sostituì le maschere della commedia dell’arte per raccontare la vita reale e si completando con il prezioso teatrino delle marionette esposto in museo.
Durata: 1 h


 

MUSEO STORICO NAVALE

Venezia e il mare – Il Museo Storico Navale
La visita del Museo Storico Navale della Marina Militare di Venezia, il più importante d’Italia nel suo genere, si propone come un selezionato percorso tematico attraverso le opere più rappresentative delle sue vaste collezioni, nell’intento di offrire ai visitatori una particolare e inedita chiave di lettura. Dopo un’introduzione sull’edificio – antico granaio della Serenissima – e la nascita del museo, l’itinerario prosegue raccontando la storia dell’Arsenale di Venezia, cuore dell’industria navale veneziana, citato da Dante nella Divina Commedia, dal quale escono le celebri galee che domineranno lo Stato da Mar contribuendo alla vittoria di Lepanto e continuando – grazie a oggetti e reperti straordinari tra marineria, tecnologie antiche, strategie, vicende storiche e curiosità – fino al prezioso modello del Bucintoro e alle gondole e imbarcazioni della laguna di Venezia, offrendo nel suo insieme un punto di vista particolare e insolito.
Durata: 1,30h


 

SCOPRI L’OFFERTA ON DEMAND PER FAMIGLIE >