Fondazione Musei Civici di Venezia | MUVE

THE VENICE GLASS WEEK

THE VENICE GLASS WEEK FONDAZIONE MUSEI CIVICI DI VENEZIA

Venezia, 10 – 17 settembre 2017

Oltre 150 le diverse iniziative in programma, tra mostre, convegni, seminari, proiezioni, attività didattiche, cene a tema e fornaci aperte.

Città di Venezia, Fondazione MUVE, Fondazione Cini/LE STANZE DEL VETRO, Istituto Veneto e Consorzio Promovetro Murano svelano i contenuti del primo festival internazionale dedicato all’arte del vetro di Murano che 10 al 17 settembre 2017 coinvolgerà tutte le maggiori istituzioni cittadine con l’obiettivo di rilanciare e sostenere l’attività artistica e produttiva più importante del territorio

Sono più di 100 le realtà, per un totale di oltre 140 eventi, che  dal 10 al 17 settembre 2017 parteciperanno alla prima edizione di The Venice Glass Week, vero e proprio festival internazionale dedicato all’arte vetraria con particolare riguardo a quella muranese, nato per celebrare il vetro, risorsa artistica e produttiva per cui la città lagunare è rinomata a livello globale.

La risposta all’iniziativa – promossa dalla Città di Venezia e ideata da tre tra le principali istituzioni culturali veneziane che da anni lavorano sul tema – Fondazione Musei Civici di Venezia, Fondazione Giorgio Cini, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti – e dalla più importante realtà associativa di settore, il Consorzio Promovetro Murano, gestore del marchio della Regione del Veneto Vetro Artistico® Murano è stata corale. Centinaia le richieste di adesione pervenute entro il 31 marzo 2017 e selezionate dal comitato, provenienti da altrettante fondazioni, gallerie d’arte, istituzioni museali, enti culturali, università, istituti di formazione superiore ma anche vetrerie, fornaci, aziende, artisti e privati collezionisti italiani e stranieri; segno della grande vivacità della scena artistica, culturale e produttiva in città e dell’attrattiva di un tema così sentito anche all’estero.

“La vetraria artistica veneziana e le fornaci di Murano vantano più di mille anni di storia, nel corso dei quali hanno vissuto lunghi periodi di successo internazionale e prosperità economica, alternati a momenti di crisi.” – afferma il Comitato promotore della manifestazione – “Malgrado l’attuale crisi dell’attività vetraria a Venezia, dovuta alla confluenza di vari fattori negativi, indipendenti dalla responsabilità di chi opera del settore, la creatività di designer ed artisti e la eccezionale abilità dei maestri vetrai non cessano di costituire una straordinaria ricchezza in Italia e nel mondo. A sostegno della tradizione vetraria veneziana, unica per livello qualitativo e per longevità, alcune tra le principali istituzioni culturali veneziane, che negli ultimi anni hanno autonomamente dedicato molte iniziative al vetro artistico di qualità, per riaccendere una sensibilità intorno al tema non solo a livello locale, si sono fatte promotrici della Venice Glass Week, una settimana ricca di eventi che faranno ancora una volta di Venezia il centro mondiale del vetro d’arte.” 

Il programma di The Venice Glass Week sarà composto quindi dalle iniziative più variegate in tutto il territorio – la maggior parte delle quali gratuite – aventi tutte come tema principale il vetro artistico: mostre, convegni, seminari, premiazioni ma anche proiezioni, attività didattiche, gare podistiche tra le fornaci, feste, cene a tema e fornaci aperte e si rivolgeranno a pubblici di tutte le età.  

La “settimana del vetro” avrà inizio il 10 settembre con l’inaugurazione della mostra Vittorio Zecchin: i vetri trasparenti per Cappellin e Venini, a cura di Marino Barovier per LE STANZE DEL VETRO dedicata agli eleganti vetri disegnati dallʼartista negli anni Venti. A San Giorgio, nel giardino di fronte alla sede espositiva, il visitatore potrà inoltre ammirare la nuova monumentale scultura in vetro dell’artista americana Pae White, che sarà completata in agosto: Qwalala, muro curvo lungo 75 metri, realizzato con migliaia di mattoni di vetro colorati, colati a mano. In occasione della Venice Glass Week, il Centro Studi del Vetro propone infine durante tutta la settimana, la possibilità di visitare l’Archivio del Vetro e la biblioteca specializzata, organizzando sopralluoghi guidati negli spazi della Fondazione Giorgio Cini.

Tra le iniziative organizzate dal Comitato promotore di The Venice Glass Week, ricordiamo le mostre della Fondazione Musei Civici di Venezia: Gaetano Pesce. Cinque tecniche col vetro a cura di Gabriella Belli, Françoise Guichon e Chiara Squarcina, e Dino Martens. Pittore e Designer a cura di Chiara Squarcina, entrambe al Museo del Vetro a Murano, e le nuove aperture organizzate in occasione della Venice Glass Week: sempre a Murano Garden Fracture / Mirror in Vapour: part 2 mostra personale di Rosslynd Piggott, sintesi di oltre 30 anni di pratica artistica e sperimentazione con il vetro, e un’esposizione delle opere di Federica Marangoni; alla Casa di Carlo Goldoni Murano Triptych di Michael Zyw e Lagoon piccola mostra delle “murrine” ispirate alla tradizione di Sandra A. Fuchs e infine al Museo di Palazzo Mocenigo Evento di luce di Tristano di Robilant e Vasi e Bottiglioni di Domitilla Harding, che l’artista ha realizzato a Murano negli ultimi cinque anni. Non mancheranno le conferenze e gli aperitivi con gli artisti al Museo del Vetro a cura dell’associazione InMurano.

L’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti organizza le Giornate di studio sul vetro veneziano a tema La Filigrana. Dalla sua invenzione a oggi. Giunto alla sesta edizione, questo appuntamento, nato per offrire agli studiosi del vetro un’opportunità di approfondimento e incontro, è uno dei più importanti al mondo. L’edizione 2017 vedrà la presenza di trenta esperti provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti, tra cui curatori di musei, studiosi, collezionisti, restauratori, artisti del vetro. Durante la Venice Glass Week si terranno inoltre le esposizioni delle opere vincitrici dei premi Glass in Venice e Riedel e le rispettive cerimonie di premiazione.

Dal 30 agosto al 13 settembre nell’ambito della collaborazione tra il Consorzio Promovetro Murano e il Teatro La Fenice, le Sale Apollinee ospiteranno Gold una preziosa installazione in vetro di Murano realizzata dalle aziende concessionarie del marchio Vetro Artistico® Murano e che avrà come denominatore comune l’oro, elemento che caratterizza spesso la produzione muranese, sinonimo di ricchezza e prosperità.

Inoltre il Consorzio Promovetro proporrà degli itinerari alla scoperta del vetro di Murano. I percorsi di Murano Glass Experience accompagneranno il visitatore ad osservare i Maestri vetrai al lavoro in quelle fornaci e in quei laboratori dell’isola normalmente non accessibili al pubblico, aperti eccezionalmente per l’occasione.

Il Comune di Venezia infine propone sia la mostra fotografica di Luigi Ferrigno, chimico in una fornace di Murano e fotografo, i cui scatti tra il 1957 e il 1962 ritraggono le condizioni di vita e di lavoro delle maestranze, lasciandoci fotografie di grande intensità e dal tono spesso drammatico; sia presenterà un protocollo d’intesa con la Fondazione Giorgio Cini per la digitalizzazione delle 10.000 immagini dell’Archivio del Vetro/Giacomelli, scatti prodotti dalla Reale Fotografia Giacomelli nel corso del Novecento, ora conservati nell’Archivio storico della Celestia, che riguardano le aziende muranesi del vetro, le tecniche di lavorazione, la produzione commerciale e artistica.

Ma gli eventi organizzati dal Comitato promotore sono solo una parte delle iniziative che daranno vita a The Venice Glass Week, che, oltre agli appuntamenti più strettamente legati al vetro, vede anche iniziative legate alla musica, come a Palazzetto Bru Zane Note riflesse, Récital di arie e melodie di Gounod, Lalo, Massenet, Pierné e Widor, intorno al tema del vetro; alla poesia, come l’appuntamento organizzato dalla Casa delle Parole al Teatrino di Palazzo Grassi che per l’occasione vedrà la lettura di brani dedicati al vetro; o al cinema, con la proiezione di Pezzi Sparsi (2016), docufilm sull’artista del vetro Toni Zuccheri a cura di Marta Pasqualini, finora mai proiettato a Venezia.

Non mancheranno infine le attività per bambini, organizzate da Artsystem e Barchetta blu; “cicchettate” e cene a tema; visite guidate e anche l’edizione 2017 de La Bocca del Fuoco, gara podistica notturna organizzata dalla ASD Venezia Runners Atletica Murano in cui i partecipanti correranno tra le calli e i ponti di Murano lungo un percorso illuminato da candele, attraversando sei fornaci del vetro in piena attività.

Tutti gli eventi saranno presto disponibili sul sito ufficiale della manifestazione www.theveniceglassweek.com, che raccoglierà il calendario dettagliato di tutti gli appuntamenti, e da i profili social della manifestazione: facebook, twitter, instagram, youtube.

Tutti gli eventi che prenderanno parte a The Venice Glass Week saranno contrassegnati da un unico logo realizzato dalla studentessa Anna Scaini, che è stato selezionato nel 2016 tra le proposte degli studenti del II anno del corso di grafica di IED Venezia, partner della manifestazione per la comunicazione visual. Il logo è rigorosamente “rosso veneziano”, un colore fin dai tempi antichi simbolo di vita e vitalità, voglia di fare e primeggiare, e che ricorda un vaso stilizzato, con due ali come quelle del leone di San Marco.

Il programma definitivo di The Venice Glass Week sarà anche disponibile su App per mobile, grazie alla collaborazione di H-Farm.

The Venice Glass Week ha il patrocinio della Regione del Veneto, del Comune di Venezia – Città in Festa e della Camera di Commercio di Venezia.

Grazie alla collaborazione con AVA – Associazione Veneziana Albergatori, le strutture convenzionate applicheranno tariffe speciali per gli ospiti della manifestazione.

 

Per informazioni: